Come si cucinano i datteri di mare

Spread the love

linguine ai datteri di mare - come si cucinano i datteri di mare- Ricettepercucinare.com

I datteri di mare sono un prelibatezza del mare amata da molti, ma spesso trascurata in cucina a causa della loro apparente complessità. Tuttavia, cucinare i datteri di mare non è così difficile come potrebbe sembrare, e con un po’ di pratica, puoi creare piatti deliziosi per te e i tuoi ospiti. In questo articolo, ti guideremo attraverso i passi per preparare i datteri di mare in due modi diversi: al vapore e in padella.

Assicuratevi circa la provenienza dei datteri di mare: in alcuni paesi sono vietati

I datteri di mare sono vietati perché la loro pesca danneggia gravemente la costa e i fondali. I pescatori di frodo rischiano penali e multe molto salate, e lo stesso chi li vende. Non a caso, se li trovate a prezzi molto elevati, dovreste insospettirvi. Invece ci giunge voce che vi siano degli allevamenti di datteri di mare in Puglia. Di seguito la notizia.

Stanno per fare la loro comparsa i primi datteri di mare di allevamento, rappresentando la punta avanzata di un innovativo progetto sperimentale condotto nelle acque dell’Adriatico meridionale. Questa iniziativa promette di consentire il consumo di questo prelibato mollusco senza arrecare danni all’ambiente. Sin dal 1998, la cattura, il consumo e la vendita dei datteri di mare sono stati severamente vietati, principalmente a causa del carattere distruttivo delle tecniche di raccolta utilizzate. Tali tecniche coinvolgevano l’impiego di strumenti che perforavano le rocce sommerse dei litorali, dove questi molluschi si insediano. Si stima che, per preparare un semplice piatto di linguine ai datteri, si doveva distruggere un quadrato di fondale marino di 33 centimetri per lato.

LEGGI ANCHE  Quanto devono cuocere i tortellini?

Prodotti correlati Shop Laterradipuglia

Esistono due specie autoctone di datteri: il ‘Pholas dactylus’, noto come dattero di mare, il quale impiega tra i 15 e i 20 anni per raggiungere una dimensione di cinque centimetri, e il ‘dattero bianco’, che cresce notevolmente più rapidamente (36 mesi per raggiungere la taglia commerciale). Nel Golfo di Manfredonia, un progetto finanziato dalla Regione Puglia ha permesso di allevare la seconda specie per due anni sotto la guida dell’equipe della Federcoopesca-Confcooperative. Per realizzare questa sperimentazione, sono state collocate in mare barriere artificiali sommerse, costituite da un composto di cemento, cenere e carbone, al fine di ricreare un ambiente favorevole all’insediamento dei datteri.

Questa tecnica richiede ulteriori raffinamenti, ma potrebbe aprire la strada a un importante contributo per la preservazione degli habitat marini e la riduzione del mercato nero legato alla vendita dei datteri di mare.

Secondo quanto riportato nel Rapporto Zoomafia 2007 della LAV (Lega anti vivisezione), in Italia ogni anno vengono illegalmente raccolte tra le 80 e le 180 tonnellate di datteri di mare, il che equivale a desertificare dai 4 ai 9 ettari di fondale marino. È importante notare che il mare, spesso preso di mira da organizzazioni criminali, rappresenta un giro di affari il cui valore si aggira intorno ai 300 milioni di euro all’anno.

LEGGI ANCHE  Biobottiglia, la prima al mondo si vende in Italia

Ma torniamo a noi e vediamo come si cucinano i datteri di mare.

Datteri di mare al vapore

A proposito di “come si cucinano i datteri di mare.”, il metodo del vapore è uno dei modi migliori per mantenere il sapore delicato dei datteri di mare. Ecco come farlo:

Ingredienti

  • Datteri di mare freschi
  • Acqua
  • Una pentola a vapore o un cestello per il vapore

Preparazione

  • Inizia pulendo i datteri di mare sotto l’acqua corrente fredda. Assicurati di rimuovere eventuali detriti o alghe che potrebbero essere attaccati a essi.
  • Riempire la pentola a vapore con una quantità sufficiente d’acqua da non far toccare l’acqua stessa i datteri di mare.
  • Porta l’acqua a ebollizione, poi abbassa la fiamma in modo che l’acqua continui a bollire dolcemente.
  • Posiziona i datteri di mare nel cestello a vapore o sulla griglia del vapore, assicurandoti che siano ben distanziati.
  • Copri la pentola con un coperchio e cuoci i datteri di mare a vapore per circa 5-7 minuti. Saranno pronti quando la loro carne diventerà bianca e avrà una consistenza soda ma morbida.
  • Togli i datteri di mare dal vapore e servili subito, magari con una salsa a base di burro e aglio o semplicemente accompagnati da un po’ di limone.

Datteri di mare in padella

Se preferisci un sapore più ricco, puoi preparare i datteri di mare in padella. Se cerchi qualche idea sul tema di come si cucinano i datteri di mare, anche una semplice cottura in padella può fare al caso tuo.

LEGGI ANCHE  Torta a forma di albero di Natale semplice: ecco come si fa

Ingredienti

  • Datteri di mare freschi
  • Burro
  • Aglio tritato
  • Vino bianco
  • Prezzemolo fresco tritato
  • Sale e pepe

Preparazione

  • Pulisci i datteri di mare come descritto nella prima ricetta.
  • In una padella, sciogli del burro a fuoco medio. Aggiungi l’aglio tritato e soffriggi per un paio di minuti, finché non diventa dorato.
  • Aggiungi i datteri di mare alla padella e rosolali per circa 2-3 minuti.
  • Sfuma con un po’ di vino bianco e lascia evaporare l’alcol.
  • Aggiungi il prezzemolo tritato e cuoci i datteri di mare per altri 2-3 minuti, finché saranno ben cotti e avranno assorbito i sapori del burro, dell’aglio e del vino.
  • Condisci con sale e pepe a piacere e servi caldi.

Sia che tu scelga il metodo al vapore o in padella, i datteri di mare possono essere un’aggiunta eccellente a un antipasto o come parte di un piatto principale. Sperimenta con diverse salse e condimenti per scoprire il tuo modo preferito di gustare questa prelibatezza di mare. Un’altra idea per gustare i datteri di mare potrebbe essere quella di preparare un bel piatto di spaghetti o di linguine ai datteri di mare. Trovi la ricetta qui! 


Spread the love

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *