Poke Bowl, ricetta, varianti e info utili

Spread the love

Poke Bowl, sapore, colore e salute a portata di bacchette!

Il Poke Bowl sta spopolando in tutte le nostre città da nord a sud. Tutti lo vogliono provare e c’è anche chi si è così tanto appassionato che ha imparato a preparalo in casa. Ma che cos’è questo poke bowl? Conosciamolo più da vicino, scopriamo la ricetta originale del poke e le sue varianti. Se non l’avete ancora provato, è ora di farlo, perchè gli esperti assicurano: è un pasto sano e completo! 

Poke Bowl cos’è

Partiamo subito spiegando che cos’è il Poke Bowl. E’ una insalata di pesce marinato servita con riso, vegetali e frutta. Il Hawaiano Poh-kay significa tagliare a cubetti dunque il nome poke o poké (la pronuncia corretta vuole l’accento in fondo) deriva proprio dalla sua presentazione tutta ben porzionata in cubetti pronti da gustare.

Oltre ad essere ben presentato tutto a cubetti, il Poke Bowl è anche allegramente colorato. Dunque, se imparerete a preparare la ricetta del poke in casa, tenete presente che anche l’aspetto cromatico ha il suo peso!

Origine del Poke

Il poke è nato alle Hawaii come piccolo spuntino dopolavoro dei pescatori. Terminata la pesca nell’Oceano Pacifico, i pescatori si preparavano un po’ di pesce fresco a cubetti e lo condivano con riso, sale, e alghe Wakame. Oggi le “pokerie” sono praticamente ovunque e spesso propongono la possibilità di fare un vero e proprio mix & match: è difatti possibile mixare sapori, colori e consistenze a piacere, arrivando alla creazione della Poke Bowl che meglio incontra i propri gusti.

LEGGI ANCHE  Cotto e Mangiato del 16 maggio

Poke Bowl, ricetta

Per preparare una buona Poke Bowl fatta in casa, vi consigliamo di procurarvi il riso per sushi. Dovrete cuocere il riso e poi condirlo con aceto di riso e zucchero, oppure con il condimento già pronto per riso per sushi, che ormai si trova in tutti i supermercato. Non dimenticate, prima di cuocere il riso, di sciacquarlo molto bene, in modo da privarlo dell’amido in eccesso. Poi andrà cotto in una pentola a bordi larghi, ricoprendolo di acqua. La cottura dovrà avvenire con coperchio per 12 minuti, dopodichè il riso andrà lasciato riposare per altri 12 minuti: sarà il vapore rimasto al suo interno a terminare la cottura.

Intanto dovrete dedicarvi al taglio degli ingredienti: per una bella poke bowl, tagliate tutto a cubetti regolari!

A proposito di Poke Bowl, ricetta e ingredienti come detto possono variare, vi diamo ad ogni modo un’idea.

  • riso per sushi
  • salmone crudo (abbattuto), fatto marinare per mezz’ora nella salsa di soia, con un po’ di cipollotto ed una manciata di semi di sesamo
  • edamame se li trovate
  • avocado o mango
  • rucola
  • semi misti (si trovano in tutti i supermercati così come nei negozi di prodotti biologici)
LEGGI ANCHE  Speciale Sushi

A proposito del pesce crudo marinato

Non tutti a casa abbiamo un abbattitore casalingo e non sempre ci sentiamo sufficientemente sicuri nell’usare il semplice congelatore casalingo. Che di fatto non abbatte, ovvero non abbassa drasticamente, repentinamente e notevolmente le temperature. Dunque il dilemma è: come realizzare la ricetta del Poke Bowl a casa? La soluzione potrebbe essere quella di usare il salmone affumicato. In molti supermercati oggi il salmone affumicato è proprio in vendita a dadini ben porzionati, perfetti per la creazione di gustose Poke Bowl.

 

 


Spread the love

Un pensiero su “Poke Bowl, ricetta, varianti e info utili

I commenti sono chiusi.