Poke Bowl, ricetta, varianti e info utili

Spread the love

Poke Bowl, sapore, colore e salute a portata di bacchette!

Il Poke Bowl sta spopolando in tutte le nostre città da nord a sud. Tutti lo vogliono provare e c’è anche chi si è così tanto appassionato che ha imparato a preparalo in casa. Ma che cos’è questo poke bowl? Conosciamolo più da vicino, scopriamo la ricetta originale del poke e le sue varianti. Se non l’avete ancora provato, è ora di farlo, perchè gli esperti assicurano: è un pasto sano e completo! 

Poke Bowl cos’è

Partiamo subito spiegando che cos’è il Poke Bowl. E’ una insalata di pesce marinato servita con riso, vegetali e frutta. Il Hawaiano Poh-kay significa tagliare a cubetti dunque il nome poke o poké (la pronuncia corretta vuole l’accento in fondo) deriva proprio dalla sua presentazione tutta ben porzionata in cubetti pronti da gustare.

Oltre ad essere ben presentato tutto a cubetti, il Poke Bowl è anche allegramente colorato. Dunque, se imparerete a preparare la ricetta del poke in casa, tenete presente che anche l’aspetto cromatico ha il suo peso!

Origine del Poke

Il poke è nato alle Hawaii come piccolo spuntino dopolavoro dei pescatori. Terminata la pesca nell’Oceano Pacifico, i pescatori si preparavano un po’ di pesce fresco a cubetti e lo condivano con riso, sale, e alghe Wakame. Oggi le “pokerie” sono praticamente ovunque e spesso propongono la possibilità di fare un vero e proprio mix & match: è difatti possibile mixare sapori, colori e consistenze a piacere, arrivando alla creazione della Poke Bowl che meglio incontra i propri gusti.

LEGGI ANCHE  É nato eBay Gusto per acquisti gastronomici online

Poke Bowl, ricetta

Per preparare una buona Poke Bowl fatta in casa, vi consigliamo di procurarvi il riso per sushi. Dovrete cuocere il riso e poi condirlo con aceto di riso e zucchero, oppure con il condimento già pronto per riso per sushi, che ormai si trova in tutti i supermercato. Non dimenticate, prima di cuocere il riso, di sciacquarlo molto bene, in modo da privarlo dell’amido in eccesso. Poi andrà cotto in una pentola a bordi larghi, ricoprendolo di acqua. La cottura dovrà avvenire con coperchio per 12 minuti, dopodichè il riso andrà lasciato riposare per altri 12 minuti: sarà il vapore rimasto al suo interno a terminare la cottura.

Intanto dovrete dedicarvi al taglio degli ingredienti: per una bella poke bowl, tagliate tutto a cubetti regolari!

A proposito di Poke Bowl, ricetta e ingredienti come detto possono variare, vi diamo ad ogni modo un’idea.

  • riso per sushi
  • salmone crudo (abbattuto), fatto marinare per mezz’ora nella salsa di soia, con un po’ di cipollotto ed una manciata di semi di sesamo
  • edamame se li trovate
  • avocado o mango
  • rucola
  • semi misti (si trovano in tutti i supermercati così come nei negozi di prodotti biologici)

A proposito del pesce crudo marinato

Non tutti a casa abbiamo un abbattitore casalingo e non sempre ci sentiamo sufficientemente sicuri nell’usare il semplice congelatore casalingo. Che di fatto non abbatte, ovvero non abbassa drasticamente, repentinamente e notevolmente le temperature. Dunque il dilemma è: come realizzare la ricetta del Poke Bowl a casa? La soluzione potrebbe essere quella di usare il salmone affumicato. In molti supermercati oggi il salmone affumicato è proprio in vendita a dadini ben porzionati, perfetti per la creazione di gustose Poke Bowl.

LEGGI ANCHE  I 5 segreti del limoncello fatto in casa

 

 


Spread the love

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.