Quanto tempo devono cuocere i calamari


calamari ripieni - Ricettepercucinare.com

La cottura dei calamari richiede molta attenzione, giacché si rischia facilmente di ottenere una piatto che alla fine risulti deludente: oggi ti daremo tutte le dritte del caso per ottenere una vera e propria leccornia per il tuo palato. E allora, quanto tempo devono cuocere i calamari per essere tenerissimi e deliziosi? Scopriamolo insieme.

Ecco quanto tempo devono cuocere i calamari per servire un piatto gustoso

Tra i molluschi più deliziosi da preparare e gustare in tavola in compagnia della propria famiglia, vi sono proprio i calamari. Ti sarà capitato svariate volte di andare al ristorante ed ordinare una bella frittura di pesce o qualche altro piatto arricchito con questo alimento di mare e, in tante altre occasioni, ti sarai ripromesso di preparare lo stesso calamaro a casa per deliziare il palato dei tuoi familiari.

Quando si pensa a questo piatto, però, sorge subito il dubbio sulla cottura: il dilemma maggiore è di non farli diventare gommosi, perché poi sarebbero immasticabili e poco gustosi. Chiedersi quanto tempo devono cuocere i calamari è fondamentale perchè è proprio dai tempi di cottura che dipende la buona riuscita del piatto. Per evitare di incorrere in errori e servire ai commensali un piatto di mare pessimo, ti daremo diverse dritte, così da portare in tavola un calamaro gustoso e morbido, proprio come un filetto di carne cotto ai ferri.

LEGGI ANCHE  Le ricette del menu in giallo di Benedetta Parodi

La cottura veloce è la chiave di tutto: come saprai bene, i calamari si possono preparare in tantissimi modi, dal classico calamaro ripieno al forno sino a quello fritto o, addirittura, cotto sulla brace o al vapore. Il calamaro deve cuocere in poco tempo le carni, in qualunque modo si voglia cucinare, altrimenti vi è il rischio di farlo indurire; se lo si cuoce troppo, invece, la polpa si potrebbe sfaldare, facendo perdere la consistenza giusta al mollusco.

Cuocendo il calamaro per 6-7 minuti al massimo si potrà ottenere un’incredibile morbidezza! Se, però, vuoi cucinare un bel calamaro ripieno, preoccupati di farlo andare al massimo per 15 minuti al forno, tempistica ideale per creare una crosticina dorata davvero gustosa, lasciandolo sempre morbido al suo interno.

Due idee veloci per cuocere i calamari

Quando acquisterai i calamari, accertati che siano molto freschi: la pelle dovrà essere perfettamente attaccata al corpo dell’animale, i tentacoli ancora turgidi a ciuffetti e il colore dovrà tendere al violaceo. Il prodotto di mare, poi, dovrà ancora esser profumato di salsedine e non di ammoniaca. Ricordati, difatti, che la freschezza dell’alimento è essenziale per la preparazione di un’ottima ricetta.

Oggi ti daremo due dritte per preparare due deliziose ricette veloci con i calamari!

Insalata di calamari: 6-7 minuti sono sufficienti

Per un’insalata di calamari, che potrai portare a lavoro o mangiarla ancora per qualche tempo in spiaggia o sul prato, ti suggeriamo di effettuare una cottura di soli 6-7 minuti: dopo aver pulito il calamaro – puoi chiederlo al pescivendolo se non sei in grado di farlo – sbollenta il mollusco in acqua bollente per 6-7 minuti. Dopodiché, procedi condendo la tua insalata tagliando del sedano, pomodorini, olive nere, qualche foglia di basilico fresco e succo di limone a volontà.

LEGGI ANCHE  Le polpette di nasello alla siciliana di Cotto e Mangiato

Sugo di pesce con calamari: non più di 20 minuti in tutto

Se, invece, desideri preparare un sughetto per la pasta, ti suggeriamo di fare un piccolo soffritto di olio ed aglio ed aggiungere dei calamari tagliati. Dopo averli fatti rosolare, potrai aggiungere dei pomodorini tagliati a metà e basilico. In soli 20 minuti avrai preparare un sugo goloso per i tuoi spaghetti!

Differenze nei tempi di cottura tra carne e pesce

La regola d’oro della cottura del pesce è che il tempo di cottura dev’essere poco, altrimenti le carni diventeranno stoppose e dure. Al contrario, la carne richiede più tempo per sfaldarsi e diventare morbida. Dunque tenete presente che un classico pulled pork richiederà anche qualche ora a bassa temperatura, mentre un calamaro su piastra rovente richiederà non più di 6 o 7 minuti minuti.

Riassumendo: tempi di cottura dei calamari

Ecco il riassunto di quanto tempo devono cuocere i calamari:

  • Alla griglia: 6-7 minuti
  • In forno ripieni: 15 minuti se piccoli, 20 minuti se grandi
  • In umido, con patate o con sugo di pomodoro: 20 minuti in tutto
  • In insalata: 6-7 minuti di bollitura in acqua salata con foglia di alloro e limone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *