3 motivi per portare in tavola la frutta secca a Natale

Spread the love

Frutta secca

La frutta secca in tavola anche a Natale

Alzi la mano chi non ama la frutta secca: mandorle, nocciole e noci sono senz’altro frutti molto apprezzati, e negli ultimi anni hanno conosciuto anche un incremento importante della loro popolarità, giacché di questa frutta se ne parla davvero bene. Se da una parte si mette in guardia però dal consumo eccessivo della stessa, anche in ragione del notevole contenuto di zuccheri, d’altra parte, la stessa viene lodata per una serie di proprietà che la impongono come una risorsa importante contro diversi disturbi di salute o altri fattori di interesse umano. Quali sono? Vediamoli insieme…

3 buoni motivi per portare la frutta secca in tavola a Natale (ma non solo)

Non conoscete ancora dei validi motivi per portare la frutta secca sulla vostra tavola? Leggeteli qui di seguito:

  • La frutta secca aiuta a combattere la stitichezza, grazie alle sue notevoli proprietà lassative, aiutando il cosiddetto transito intestinale: il risultato è particolarmente apprezzato da chi soffre di emorroidi, giacché le feci diventano della corretta consistenza.
  • Da un altro punto di vista, la frutta secca può vantare un buon contenuto di fibra, con il risultato che la stessa aiuta a ridurre in maniera importante l’assorbimento del colesterolo, e ancora, gli omega 3 e 6 incrementano i grassi cosiddetti buoni nel sangue.
  • Anche in ragione del notevole contenuto di sali minerali, la frutta secca è ideale anche per chi svolge tanta attività sportiva: in maniera particolare, ad essere favorito, è il reintegro di sostanze disperse attraverso la sudorazione.
LEGGI ANCHE  Le migliori ricette di Natale di Benedetta Parodi

A queste valide ragioni, si potrebbero poi anche unire considerazioni circa gli effetti benefici della frutta secca sul fegato – in modo particolare contro le infiammazioni – o ancora, in ragione del contenuto elevato di zinco, il contributo notevole al benessere dei capelli, incrementandone la ricrescita. Infine, a coloro i quali soffrono di colon irritabile, gastrite, aerofagia, gotta o anche diarrea, consigliamo di prestare attenzione, giacché il consumo di frutta secca potrebbe causare degli effetti collaterali anche importanti.


Spread the love