Cosa amano mangiare gli italiani in vacanza


Cosa amano mangiare gli italiani in vacanza

Si sa, in estate le abitudini alimentari cambiano leggermente rispetto a quelle del resto dell’anno: caldo e, forse, stress non invogliano alle classiche grosse mangiate a tavola ma tutt’altro. Così, sotto l’ombrellone li italiano non possono far a mano di gustare della frutta di stagione: insomma, si parla di cibo fresco di cui la nostra popolazione ne è ghiotta per il 74%. Quindi, durante l’estate, non mancheranno prodotti come meloni, angurie e macedonie, utile per rinfrescarsi e saziare così l’appetito durante le giornate calde. A fianco alla frutta, gli italiani non si lasciano sfuggire un bel panino farcito con salumi tipici del luogo di vacanza e formaggi (il 70% gradisce pranzare in questo modo); una soluzione decisamente meno cara del ristorante, soprattutto se si è in vacanza e si preferisce fare una nuotata dopo poche ore di pausa dal pranzo.

Cosa si mangiano gli italiani in estate

Naturalmente, in estate c’è anche chi non riesce proprio a rinunciare ad un bel piatto di pasta, così il 22% degli italiani porta in tavola un riso freddo o una classica lasagna. In merito alle bevande, invece, sembra proprio che il successo è dei succhi di frutti: difatti, il 29% della popolazione li inserisce nella propria alimentazione in estate. Va tenuto in considerazione comunque che l’estate è anche sinonimo di grigliate all’aperto e pic nic in spiaggia: in questi casi, perciò, non può mancare un’ottima birra fresca che, addirittura, è più amata del vino. Sono solo il 28% degli italiani a preferire un bel bicchiere di vino rosso o bianco durante le vacanze estive, magari per qualcosa di romantico in spiaggia.

LEGGI ANCHE  Torna Cantine Aperte 2012

Insomma, sembra proprio che l’alimentazione estiva si basi sui cibi di stagione, ma soprattutto anche su cibi che possono saziarci e farci gustare degli ottimi prodotti della terra. Il bello della vacanza, d’altronde, è proprio quello di scoprire la gastronomia del luogo ed assaporarla!