L’uovo di Pasqua fra tradizione e arte

Spread the love

L’uovo di Pasqua ieri e oggi

Le uova di cioccolato uniscono tutti, e nelle feste di Pasqua rappresentano una tradizione antica che negli anni è stata affiancata da tanti dolci diversi da regione a regione. L’uovo di Pasqua, l’uovo in generale, è il simbolo della vita che si rinnova, un augurio di fecondità. Per secoli le uova pasquali sono state semplicemente bollite in acqua e sale e, in alcuni casi, colorate. Solo due secoli fa hanno cominciato a diffondersi nella versione di cioccolato. La prima testimonianza, in Italia, pare risalga al 1865, quando a distribuirle sarebbe stata a Torino la maschera carnevalesca di Gianduja. Fondente o al latte, l’uovo di cioccolato con o senza sorpresa è così diventato il dolce tipico della Pasqua. Alla tradizionale produzione esclusivamente artigianale si è affiancata quella industriale e oggi in Italia se ne vendono circa 2 milioni e 700 mila l’anno, di cui il 10 per cento fondente e il 90 per cento al latte.

Come si realizza l’uovo di Pasqua?

Realizzare un uovo di cioccolato fatto in casa non è impresa semplice, soprattutto se non si hanno gli strumenti giusti e le conoscenze sull’arte del temperare il cioccolato. Inoltre, non tutti i tipi di cioccolato sono adatti alla preparazione di un uovo e vanno scelti preferibilmente quelli contenenti circa il 35 per cento di burro di cacao. Dai pasticceri sarà più facile trovarlo. Gli stampi devono essere perfettamente asciutti e a temperatura ambiente, se ne possono utilizzare di grandi o piccoli, di metallo o di plastica. L’importante, in realtà, è che il cioccolato sia ben temperato per fare in modo che si stacchi dallo stampo in modo netto e preciso. Una volta fuso il cioccolato, si rivestono le due metà dello stampo, si elimina il cioccolato in eccesso e si lascia rapprendere. Trascorso il tempo necessario, si uniscono le due metà facendo fondere per qualche istante i bordi in modo che si attacchino.

LEGGI ANCHE  Cuciniamo con Officine Gastronomiche Multietniche

Mille modi per decorare l’uovo di Pasqua

Se si decora in casa, l’uovo di Pasqua si può impreziosire con decorazioni e disegni realizzati con il cioccolato bianco o con la glassa colorata. Si può confezionare con centrini di pizzo, nastri di raso e scatole trasparenti. Tutt’altra storia è, invece, se a decorarlo è un pasticcere o un artigiano del cioccolato. I capolavori che sono in grado di realizzare è ben più vicino alle incredibili di uova di Fabergé, create in Russia per lo zar e fatte di oro e materiali preziosi. Con un pizzico di fantasia e tanta manualità si possono realizzare delle uova di cioccolato artistiche, che rappresentino animali, castelli e volti decorate e dipinte con i materiali più diversi. Si utilizza il cioccolato bianco, quello fondente, al latte o anche tutti e 3 insieme, si realizzano uova di legno, di ceramica o di stoffa, piccole o grandi, da appendere o appoggiare. C’è davvero l’imbarazzo della scelta! L’arte pasticcera dedicata alle uova di Pasqua è molto ampia, tanto che in Ialia vengono organizzati ogni anno eventi, manifestazioni e mostre che vedono gli artigiani cimentarsi nella realizzazione dell’uovo più originale.

Prosegui la lettura per imparare insieme a noi a preparare in casa il tuo uovo di Pasqua!


Spread the love
Continua la lettura » 1 2