Natale: un regalo, un'emozione.

Spread the love

riedel-cornetto-nero.jpgQuando frequenti un corso per sommelier o una semplice introduzione alla degustazione, una delle prime cose che ti spiegano è che il motivo per cui il bicchiere deve avere lo stelo è che 1) in questo modo non rischi, con il calore corporeo, di riscaldare eccessivamente il vino, e 2) tieni la mano, che magari può profumare di sapone, il più possibile lontano dal calice…

Mi sta benissimo. Peccato che poi sia arrivato Riedel, un paio di anni fa, a lanciare il bicchiere “O”, il primo calice per vino senza stelo… Il tempo di far accettare questa novità anche ai più tradizionalisti, ed ecco che arriva la Riedel con un nuovo lancio – tutto tempismo natalizio – che promuove il decanter nero: il Cornetto Nero. Sempre sugli stessi libri di cui sopra, stava scritto che il decanter serve a servire il vino lasciando nella bottiglia eventuali residui legati all’invecchiamento del vino -e quindi alla separazione di alcune componenti solide a causa dell’età della bevanda.

Con un decanter in cristallo nero i residui ce li potrei mettere pure tutti, tanto non si vedono finché non arrivano nel bicchiere, ovviamente.
Insomma, un nuovo rompicapo per i sommelier, che dovranno imparare a giustificare la presenza sul mercato di uno splendido prodotto, che ribalta nuovamente i concetti di degustazione e servizio…

LEGGI ANCHE  Scendiamo in cantina...

Consiglio a tutti di visitare il sito della Riedel – se si riesce a sorvolare sull’abbondanza di frame – si scoprirà una moltitudine di contenuti interessanti a dimostrazione che se loro ribaltano le regole, è perché le conoscono.

http://www.marketingdelvino.it


Spread the love