I cibi portafortuna per il Cenone di San Silvestro

Spread the love

lenticchie e cotechino

Portare la fortuna in tavola per San Silvestro

Care amiche e cari amici di ricettepercucinare, tra un paio di giorni sarà Natale e, tra circa una settimana, ci prepararemo a salutare questo 2015, per dare il benvenuto ad un nuovo anno, il 2016, sperando che ci porti tanta fortuna e buone novità. Da questo punto di vista, non ci potrebbe essere un modo migliore per dare il via a questi 366 giorni – il 2016 è un anno bisestile – preparando qualcosa di buono per la sera di San Silvestro, qualche cosa che possa essere di buon auspicio per tutti voi e i vostri ospiti. Vi state già domandando che cosa? Be’, lo scoprirete tra qualche riga.

I cibi portafortuna per il Cenone di San Silvestro

Conoscete già qualche cibo che, per tradizione, si prepara l’ultimo giorno dell’anno per far sì che la fortuna si manifesti nelle nostre vite? Al di della superstizione, però, vogliamo proporvi qualche cosa che non sia soltanto – almeno secondo la tradizione popolare – un vero portafortuna, bensì, anche qualcosa di gustoso, per regalare momenti di piacere culinario a noi e ai nostri ospiti. Ecco quindi i cibi portafortuna (e golosi) per San Silvestro:

  • L’uva è da sempre ritenuto un frutto capace di portare la buona sorte secondo la tradizione spagnola: nata come iniziativa per non sprecare l’esubero della produzione di uva, questa abitudine si è pure diffusa in Portogallo e in alcuni paesi del Sudamerica.
  • Le verdure cotte, per il loro aspetto, vengono consumate a San Silvestro: sono soprattutto i cavoli e le bietole a tenere banco, in ragione del fatto che le loro foglie, ripiegandosi, suggeriscono l’aspetto di banconote, e quindi fortuna…
  • I fagioli, piselle e le lenticchie suggeriscono anche loro abbondanza: con la loro sagoma simile a quella di monete, soprattutto le lenticchie, vengono consumate in abbinamento con l’intramontabile cotechino.
  • La porchetta, lo zampone e i cotechini sono sicuramente i protagonisti della tavola, come detto poc’anzi nel caso dell’accoppiata con lenticchie del cotechino, proprio perché la carne del maiale è considerata un portafortuna, essendo lo stesso animale ritenuto un simbolo della buona sorte.
  • Il baccalà, infine, è un’altra specialità che non può mai mancare sulla tavola come simbolo di buon augurio.
LEGGI ANCHE  Il costo del cotechino non pesa agli italiani

E voi, che cosa porterete in tavola per far sì che la fortuna vi assista nel corso del 2016? Tanti auguri di buone feste a tutti!


Spread the love