Pulire e tagliare velocemente la zucca

Spread the love

Zucca

Un ortaggio autunnale versatile e apprezzato

Durante la stagione autunnale, nessun ortaggio gode forse dello stesso apprezzamento e del medesimo successo della zucca: protagonista di tante sagre paesane, proposta in tantissime varianti e ricette regionali di ogni angolo dell’Italia, la zucca resta comunque un ortaggio che, in ragione delle sue particolarità, non è così semplice da pulire e tagliare per impiegarlo in cucina. Nelle prossime righe, quindi, vi offriamo qualche spunto per evitare di sudare le sette camicie durante la preparazione della vostra zucca… a patto che non la comperiate già in pezzi!

Ecco come pulire e tagliare velocemente la zucca

Per non fare fatica ed ottenere una zucca perfetta per le vostre ricette, fate quanto segue:

  • Sciacquate con acqua abbondante la vostra zucca, dopodiché, sistematela sul vostro ripiano affinché le vostre operazioni di taglio siano più agevolate del solito.
  • Il primo taglio deve essere fatto con un coltello da pane, avendo cura che se ne ottengano così due metà distinte: affondate il vostro coltello senza esitazione, perché in questa maniera il taglio sarà netto, senza lasciarvi fastidiosi sfilacciamenti.
  • A questo punto, potrete procedere ad effettuare un nuovo taglio, affinché abbiate ottenuto quattro quarti di zucca: potrete ora, sfruttando un cucchiaio, asportare tutta la polpa, i semi e i filacci presenti all’interno della zucca, senza andare troppo in profondità.
  • Quindi dovrete ripetere l’operazione di pulizia della zucca, avendo cura di sciacquare la buccia, che così sarà privata di tutte le impurità.
  • Con un coltellino, realizzate una vera e propria dadolata di zucca: e per concludere, sempre con lo stesso coltellino, fatelo scorrere appena sotto la buccia, per separare quest’ultima dalla polpa soda, che a questo punto sarà pronta per essere usata per tutte le vostre ricette.
LEGGI ANCHE  Come fare le castagne al forno

Conoscevate questi piccoli trucchetti per pulire facilmente la vostra zucca? Le vostre nonne vi hanno insegnato altri sistemi? Dite la vostra nei commenti.


Spread the love