La Prova del Cuoco 2014: Suor Stella presenta il libro “Il dragoncello e l’acqua santa”

Spread the love

suor-stella-la-prova-del-cuoco

Durante quest’ultima stagione de La Prova del Cuoco non è mancata l’occasione per introdurre delle nuove rubriche, come ad esempio quella de “Il Diavolo e l’Acqua Santa”, dove dietro i fornelli c’erano Andrea Mainardi e Suor Stella, francescana della Bosnia che ci ha mostrato nel tempo diverse ricette semplici e gustose, di cui alcune anche di origine bosniaca.

Ora, la simpatica suora de La Prova del Cuoco ritorna a parlarci nuovamente di ricette – dopo il suo primo libro “Quel che passa il convento” del 2011 – con un nuovo scritto, una lettura perfetta da portare con sé sotto l’ombrellone: si tratta del libro “Il dragoncello e l’acqua santa”, pubblicazione che si compone di ben 167 pagine e che potrete trovare in vendita nelle migliori librerie al costo di 11 euro.

Il nuovo libro di Suor Stella

All’interno di “Il dragoncello e l’acqua santa” potrete trovare tantissime ricette per antipasti, spuntini e dolci provenienti dalla tradizione croata, tutti piatti scritti proprio da Stella Okadar. All’interno del libro ci sono ricette come quelle del brodetto di calamari con polenta, scampi al prosciutto dell’Istria, brodo di scarpina, zuppa di patate alla zagorje, gulash della Slavonia, pasticciada dalmata, Musakà e dello spezzatino di prugne. Queste sono solo alcuni dei piatti che potrete preparare anche voi a casa seguendo le dritte di Suor Stella, ma sopratutto stando comodamente davanti ai fornelli di casa vostra.

LEGGI ANCHE  La Prova del Cuoco del 26 febbraio 2018

In questo modo, avrete l’opportunità di portare in casa i sapori della cucina ungherese, contaminati con quella italiana, ma soprattutto sarete in grado di stupire i vostri ospiti con qualcosa di diverso e goloso. “Il dragoncello e l’acqua santa” di Suor Stella Okadar non vi farà conoscere la Crozia solo per il suo mare pulito e le vacanze ad ottimo prezzo, bensì vi farà addentrare nella vera e propria tradizione della gastronomia locale.


Spread the love