I pesticidi in frutta e verdura

Spread the love

frutta e verdura pesticidi

I pesticidi in frutta e verdura

Per far fronte al bisogno di produrre in grande quantità frutta e verdura, a livello agricolo si è reso necessario da lungo tempo il ricorso a pesticidi, per assicurare una buona resa di raccolti e, d’altro canto, prodotti non danneggiati da insetti e parassiti – quando non distrutti – spesso anche assecondando il bisogno di presentare un prodotto esteticamente piacevole da parte dei punti vendita finale. In alcuni contesti, attraverso la lotta biologica, è possibile impiegare soluzioni naturali per contrastare l’attacco ai raccolti: un esempio su tutti è offerto dalle coccinelle, impiegate per salvaguardare le coltivazioni dai danni di parassiti e insetti di ogni tipo. Queste soluzioni tuttavia – oltre ad essere costose – spesso non sono nemmeno praticabili su larga scala.

Proprio per monitorare al meglio l’uso dei pesticidi nel cibo, negli ultimi anni, l’USDA e la Food and Drug Administration – l’autorità americana che vigila sulla qualità del cibo e dei farmaci – ha condotto una ricerca, poi ripresa dall’Environmental Working Group – un’associazione no profit -per catalogare quali siano i prodotti più o meno a rischio.

Frutta e verdura con pesticidi: quali sono i prodotti più o meno trattati

Secondo gli studi sopracitati, tra i cibi più trattati con pesticidi risultano i seguenti: mele, sedano, peperoni, pesche, fragole, pesche nettarine, uva, spinaci, lattuga, cetrioli, mirtilli e patate. Quelli per contro meno intaccati dall’uso di pesticidi, sono questi: cipolle, mais, ananas, avocado, cavoli, piselli dolci, asparagi, manghi, melanzane, kiwi, cantalupi, patate dolci, pompelmi, angurie e funghi. Non è comunque necessario allarmarsi più di quel tanto, considerando come attraverso il lavaggio accurato di frutta e verdura – una prassi consolidata in ogni economia domestica – sia possibile consumare queste ultime tranquillamente. Prediligere i prodotti km 0 contraddistinti da produzione biologica, tuttavia, potrebbe aiutare a limitare l’impatto delle attività umane – produzione ed alimentazione – sul nostro pianeta, con grande giovamento per tutti quanti…

LEGGI ANCHE  Gamberoni con vinaigrette d'arancia

Spread the love