L’azienda belga del cioccolato Isis cambia nome

Spread the love

azienda-isis-cioccolato

A volte, la scelta di un nome che identifica un’azienda ed il suo mood di lavoro può portare a dei disagi. Il caso è ben evidente con l’azienda belga di cioccolato, che per l’appunto si chiamava Isis, ed è stata costretta dagli eventi recenti a cambiare il suo nome per via della sigla con cui si identifica lo stesso gruppo terroristico islamico.

Quando cambiare il nome è un obbligo

Ancora una volta c’è stata una vittima caduta sotto il nome Isis: questa però non si tratta di una persona, bensì del noto cioccolato belga che per si chiamava proprio Isis. L’azienda ha potuto constatare negli ultimi mesi che il nome Isis ha avuto una connotazione negativa sul lavoro e che, di conseguenza, non è più stato accettato dai clienti. In realtà, il nome in questione era stato scelto a suo tempo, giacché si trattava del prodotto di punta dell’azienda e quindi la stessa si identificava al meglio con la sigla.

Ora, però, l’azienda non può più trovare nel nome Isis il giusto acronimo per esser riconosciuta nel suo paese e al di fuori di questo: il nuovo nominativo prescelto dall’azienda è Libeert, sigla che non ha più nulla a che fare con il nome dei fondamentalisti dello Stato islamico e che, finalmente, potrà nuovamente far ritrovare il giusto pubblico all’azienda.

LEGGI ANCHE  E' sorto il tempio del cioccolato...

Il nome Isis aveva causato un vero e proprio danno d’immagine all’azienda, tant’è vero che la stessa si era vista evaporare un quantitativo significante di clienti nell’ultimo periodo. Ora con il nuovo nome, l’azienda potrà nuovamente conquistare la fiducia ed il palato dei suoi clienti.


Spread the love