La sagra della schiacciata di Pasqua 2012

Spread the love

Sagra Schiacciata Pasqua

La sagra della schiacciata di Pasqua 2012

Così come accade in ogni regione italiana, anche la Toscana porta con sé una propria tradizione dolciaria per la Pasqua e tra i dolci che si possono trovare sulla tavola vediamo senz’ombra di dubbio la schiacciata di Pasqua. In particolar modo, la schiacciata di Pasqua è un dolce povero che si rifà alla cucina contadina e della provincia di Pisa. Questo dolce di Pasqua affonda le sue radici alla metà dell’Ottocento ed è nato dall’idea delle famiglie contatine che trovarono un modo per utilizzare l’eccesso di uova per il periodo pasquale. Così, per il periodo della Quaresima, veniva preparato un vero e proprio pane dolce con pasta di pane arricchita da aromi, zucchero ed uova.

Scoprendo la sagra della schiacciata di Pasqua 2012 a Ponte a Egola

Proprio per festeggiare il periodo di Quaresima, la cittadina di Ponte a Egola, in provincia di Pisa, si prepara con la sagra della schiacciata di Pasqua, manifestazione che si svolgerà tra la giornata del 31 marzo ed il 1° aprile 2012. La sagra della schiacciata di Pasqua 2012, giunta oramai alla sesta edizione, vede l’organizzazione da parte dell’associazione culturale “La ruga”, che ha deciso di portare l’evento negli spazi della propria sede e nelle strade adiacenti.

LEGGI ANCHE  Capocollo di Martina Franca ricette

La sagra della schiacciata di Pasqua prende il via già da sabato con un importante evento: difatti, dalle ore 16:30 presso la chiesa di San Luigi Gonzaga vi sarà l’inaugurazione delle opere donate da 14 artisti per la Via Crucis. Per la cena, invece, ci si dovrà attendere un bel menù a base di piatti tipici toscani come il coniglio fritto. Nella stessa giornata, peraltro, a partire già dalle ore 10:30 si potrà assaggiare la schiacciata di Pasqua presso diversi punti vendita. Per la giornata successiva, invece, vi sarà il mercatino dell’artigianato e dei prodotti tipici locali. Naturalmente, non mancherà neppure l’occasione per pranzare in allegria e pensare già alla Pasqua 2012 con i pitti tipici della Toscana.


Spread the love