Fiera del Bue Grasso a Carrù

Spread the love

Bue Grasso Carrù
Photo by cuneoannunci.it

Fiera del Bue Grasso a Carrù

L’appuntamento fieristico di cui vi vogliamo parlare oggi ha origini antiche: difatti, dobbiamo tornare indietro fino al 1473, anno in cui nella città di Carrù si svolgeva il classico mercato di bestiame, con frequenza bisettimanale. Successivamente, nel 1635 il duca Vittorio Amedeo I dispose che nella comunità piemontese si svolgesse una fiera annuale, da far cadere dopo il 4 novembre, festa di San Carlo, che durasse tre giorni. La prima fiera, dunque, si svolse nel 1910 per volontà dell’Amministrazione Comunale e del Cominizio Agrario di Mondovì; lo scopo era quello di rimediare alla carenza di animali da macello e l’aumento dei prezzi della carne, che era inevitabile. Da quel momento in poi, il Piemonte, conosce l’appuntamento con la fiera del bue grasso a Carrù, come un appuntamento della tradizione commerciale e folcloristica.

Appuntamento in Piemonte con la fiera del bue grasso a Carrù

Il secondo giovedì di ogni anno che precede il Natale è destinato sempre alla fiera del bue grasso a Carrù: qui, sono ammessi animali destinati al macello di razza piemontese, catalogati in buoi, vitelli, manzi e manze, vacche, torelli e tori. Grazie ad una giuria di veterinari e di allevatori, in Piazza Mercato viene premiato dopo 11 ore l’allevatore con con l’attribuzione ai capi migliori delle ambite gualdrappe e fasce decorate a mano, e poi segue la passerella espositiva dei buoi e dei manzi.

LEGGI ANCHE  Scoprendo la sagra del Fritello nel Lazio

Per tale occasione, si terrà anche la mostra zootecnica con il mercato delle macchine e delle attrezzature agricoli. Nei ristoranti, invece, è possibile sin dal mattino gustare i piatti tipici del luogo tra i quali le minestre di trippe ed il bollito con le salse.


Spread the love