Suarez Luis e la presa in giro dai colossi alimentari

Spread the love

Suarez-Luis-e-la-presa-in-giro-dai-colossi alimentari

Si è conclusa ieri sera l’avventura dell’Italia ai Mondiali 2014, con una partita che non ha regalato uno spettacolo particolarmente emozionante, anche a causa di alcuni episodi poco edificanti cui si è assistito e le relative decisioni arbitrali discutibili: ma ciò che ha lasciato veramente il segno, al di là dell’uscita di scena degli Azzurri, è stato il brutto gesto antisportivo di Luis Suarez, che ha morsicato la spalla di Chiellini attirando subito l’attenzione di tutti.

Suarez Luis e la presa in giro dai colossi alimentari

Se il comportamento inqualificabile del giocatore della nazionale dell’Uruguay è sfuggito sul terreno di gioco all’arbitro – a tale proposito la FIFA si è già attivata con un’indagine al termine della quale renderà nota la sanzione disciplinare – altrettanto non è stato per gli uomini del marketing di aziende importanti come Mc Donald’s Uruguay, che attraverso Twitter ha detto a Luis Suarez “se hai fame, vieni a dare un morso ad un big Mac”.

Un’altra azienda come Trident, il colosso statunitense delle gomme da masticare, non ha perso l’0ccasione per fare dell’ironia, anche in questo caso attraverso il social network dei cinguettii, scrivendo “masticate Trident. Non i giocatori di calcio”. La catena della ristorazione T.G.I. Friday’s, per contro, non ha voluto far mancare il suo contributo ironico, scrivendo via Twitter “Io credo che sia corretto dire che l’Uruguay avesse fame di vittoria”.

LEGGI ANCHE  Italia Costa Rica, le nostre ricette per i mondiali

Infine, la catena di fast food Whataburger – molto popolare negli stati del sud degli USA – ha voluto invece comunicare, sempre attraverso Twitter, che “se soltanto Suarez avesse mangiato da Whataburger prima della partita, non sarebbe stato così affamato”. Non male come modo per fare del marketing attraverso l’ironia, non trovate? Diteci cosa ne pensate nei commenti…


Spread the love