sarde marinate

Condividi sui social
Vuoi suggerire questa ricetta ai tuoi amici?
L'hai preparata? Raccontalo!
Pin it!

Preparazione

piatto di mare, memoria della flotta veneziana alle prese con la cambusa priva di frigoriferi. dura a lungo, grazie al saòr, cioè alla marinata, che sposa l'umile regina degli orti lagunari, la cipolla bianca, con il modesto ma altrettanto saporoso pesce azzurro. le sarde, decapitate e private delle interiora, vengono lavate, lasciate ad asciugare, infarinate, fritte, e fatte asciugare dell'olio sulla cartapaglia. in altra teglia, imbiondire lentamente la cipolla tagliata ad anelli non troppo sottili (tanto peso in sarde quanto in cipolle). poi versare l'aceto bianco, e portare a bollore, subito spegnendo. in una terrina di terracotta disporre a strati le sarde fritte e la marinata di aceto e cipolle, salando e aggiungendo qualche chiodo di garofano. l'ultimo strato è di saòr, naturalmente. coprire il contenitore, e a cominciare dal giorno dopo si mangiano sardelle in saòr. è portata da pasto e da antipasto. profumare con foglie di alloro.

Commenti