Base della pizza di Renato Bosco

Una delle specialità gastronomiche italiane che da sempre regala grandi soddisfazioni ai palati di tutto il mondo, in ragione della semplicità e del sapore degli ingredienti, è sicuramente da sempre la pizza, regina della tavola italiana che si può assaporare in tanti modi differenti a seconda dei propri gusti. Dopo averci insegnato a fare correttamente i rinfreschi di lievito madre, oggi l'amico pizzaiolo e panificatore Renato Bosco ci insegna quindi a preparare l'impasto base della pizza margherita a regola d'arte, per gustare appieno questa prelibatezza originaria della cucina partenopea. Sulla pizza se ne sentono davvero di tutti i colori: c'è chi la fa con farine di ogni genere, chi usa l'acqua frizzante, chi la predilige alta e spessa e chi invece la ama sottile.... Oggi Renato Bosco ci ha insegnato a preparare un'ottima pizza che mette davvero d'accordo tutte le filosofie e soddisfa tutti i palati grandi e piccini da nord a sud... Vediamola!

Ingredienti

  • Farina 500 grammi
  • acqua 250 millilitri
  • sale 10 grammi
  • lievito madre 10 grammi
  • olio extra vergine di oliva 10 millilitri
Indicazioni per la preparazione
480 minuti di preparazione
4 persone
Condividi sui social
Vuoi suggerire questa ricetta ai tuoi amici?
L'hai preparata? Raccontalo!
Pin it!

Preparazione

Prendo un pezzo di lievito madre maturo, lo metto all'interno della farina, aggiungo un pò d'acqua e comincio a lavorare. Non metto il sale perchè il sale a contatto con i lieviti li fa inibire. Il sale va sempre per ultimo. Aggiungo l'olio e lavoro ancora. Solo ora aggiungo il mio sale. Continuo ad impastare bene al fine di ottenere un impasto liscio e omogeneo. La farina migliore è quella macinata a pietra, che tra l'altro richiede anche meno sale perchè è naturalmente salata. Quando il panetto è pronto lo mettiamo da parte a fermentare per 6-8 ore. Dopo 6-8 ore l'impasto è molto omogeneo, ricco d'aria ed estensibile.

Consigli
State sempre attenti a non mischiare il sale con il lievito, giacché questa svista potrebbe causare dei problemi durante la lievitazione.
Curiosità
Il nome pizza, secondo l'etimologia più accreditata, potrebbe essere correlato al dialetto napoletano, "pinsa", a sua volta dal verbo "pinsere", cioè, picchiare.

Tutti i passi per la preparazione

**Clicca sulle foto per accedere al passo passo completo!

Commenti