Panelle

Con pochissimi ingredienti di qualità potrete realizzare in casa le panelle, tipico cibo di strada siciliano. Si tratta di gustose frittelle di ceci, che vengono fritte e spesso servite all’interno di panini morbidi. Possono essere aromatizzate a piacere con pepe o una spruzzata di limone. I palermitani tendono a non cucinare la panella in casa, vista la sua facile reperibilità in ogni angolo della città…ma riteniamo che questa ricetta possa essere utile a tutti coloro non risiedano sull’isola e non vogliano perdersi una simile sfiziosità!

Ingredienti

Indicazioni per la preparazione
20 minuti di preparazione
10 minuti di cottura
4 persone
Condividi sui social
Vuoi suggerire questa ricetta ai tuoi amici?
L'hai preparata? Raccontalo!
Pin it!

Preparazione

Cioè: polentine di ceci fritte (Sicilia occidentale). Sciogliere la farina di ceci in acqua moderatamente salata su fuoco dolce, girando con la paletta di legno sempre nello stesso senso, per ottenere una pasta soffice e priva di grumi. Quando la pasta si stacca dalla pentola va versata negli appositi stampi di legno oleato o sul marmo, dove va spianata all'altezza di circa mezzo centimetro. Appena la pasta raffredda, tagliare a listarelle o quadrati: questi vanno fritti nell'olio bollente o strutto. I palermitani mangiano pane e panelle, cioè alcune panelle fritte, ancora calde, entro il pane appena sfornato, tagliato a metà , con qualche goccia di limone e sale. Talvolta, entro la farina di ceci compare anche il prezzemolo tritato. E' una specialità popolare simile alla panissa ligure o a certe frittelle tunisine.

Consigli
E’ necessario essere molto veloci a stendere il composto sulla spianatoia di marmo, o su un foglio di carta leggermente oliato, o ancora. Questo perché la pasta tende subito a seccare impedendoci così di stenderla sottilmente.
Curiosità
Sembra che le panelle siano state inventate dagli arabi che, alle prese con la macinatura dei ceci, legume proveniente dall’Oriente, scoprirono prima la farina e poi la panella. Le prime panelle venivano modellate in apposite formine di legno che recavano impresso un simbolo floreale o logo che stava ad indicare il "panellaro" che le aveva fatte. Un'altra piccola curiosità riguardo le panelle: esse si gustavano e si gustano tutt'ora in un panino specifico, la Mafalda.

Tutti i passi per la preparazione

**Clicca sulle foto per accedere al passo passo completo!

Commenti