Trofie al pesto

Ecco uno dei cavalli di battaglia assoluti della ricca e leggera gastronomia genovese! Di che cosa stiamo parlando? Ovviamente abbiamo in mente le gustose e leggere trofie preparate con del pesto! Sembra che le trofie siano nate sulle navi dei marinai genovesi, che usavano impastare semplicemente l'acqua e la farina con le mani, andando a creare così degli gnocchetti. Secondo la tradizione, poi, gli stessi marinai usavano ripulirsi le mani strofinandole in modo tale da togliere i residui di impasto rimasti tra le dita, e che a causa di questo gesto involontario, siano così nate le trofie. Per quanto riguarda il pesto, invece, esso è ovviamente il condimento per eccellenza della cucina genovese: per prepararlo secondo i canoni, avremo bisogno di ottimo basilico, olio, pecorino romano e anche pinoli, che uniti ci permettono di gustare un piatto veramente delizioso e pure fresco. Prepariamoci a servire in tavola un piatto che scomparirà in pochissimo tempo!

Ingredienti

Indicazioni per la preparazione
15 minuti di preparazione
2 persone
Condividi sui social
Vuoi suggerire questa ricetta ai tuoi amici?
L'hai preparata? Raccontalo!
Pin it!

Preparazione

Mettete a bollire l'acqua e mentre attendete procedete a fare il pesto.

In un mortaio pestate bene i pinoli, l'aglio, il sale e il formaggio, fino a chè non otterrete una pasta omogenea.

Quando l'acqua bolle mettete a cuocere le trofie.

Togliete dal mortaio il pestato e metteteci dentro le foglie di basilico spezzettate a mano (se le tagliate con una lama, il basilico si ossiderà subito, diventando di colore marrone) e un filo d'olio che eviterà l'annerirsi del basilico. Iniziate a pestare il basilico e aggiungete un cucchiaino di pestato di pinoli e formaggio. Pestate e mescolate bene e pian piano aggiungete il resto del pestato e l'olio.

Ora la pasta dovrebbe essersi cotta! Toglietela dall'acqua e mescolatela al pesto assieme ad un paio di cucchiai di acqua di cottura.

Ecco pronte le trofie al pesto!

Consigli
Il pesto può anche essere preparato certamente in anticipo: a causa però della sua tendenza ad ossidarsi molto facilmente, bisogna conservarlo avendo cura di coprirlo con un po' di olio extravergine di oliva.
Curiosità
Il pesto si realizza generalmente utilizzando un mortaio e, in ordine, si pestano prima l'aglio insieme con i pinoli, aggiungendovi in seguito anche le foglie di basilico.

Tutti i passi per la preparazione

**Clicca sulle foto per accedere al passo passo completo!

Commenti