Focaccia

La focaccia è una delle preparazioni più amate e diffuse in fatto di arte bianca. Originaria del capoluogo ligure, essa si è diffusa ed ha viaggiato nel tempo e nello spazio, superando l'oceano e le generazioni. E tuttavia, nonostante la sua "anzianità", essa non passa mai di moda: a molti di noi ricorda l'infanzia, quando la focaccia, avvolta in un semplice foglio di carta, faceva capolino dallo zainetto della scuola, e non vedevamo l'ora che arrivasse l'intervallo per poterla gustare. A molti altri ricorderà la nonna, o ancora la mamma, o le domeniche in famiglia, o ancora i pic nic in spiaggia. La focaccia soffice ma fragrante al tempo stesso, semplicemente spennellata d'olio e spolverizzata di sale, è ancora la principessa incontrastata della nostra gastronomia. La ritroviamo spesso rimaneggiata, modificata nella ricetta, farcita ed insaporita nei modi più disparati: la quella che ci piace gustare oggi e riproporre a voi è quella semplice, la focaccia genovese, quella che, quando sarà nel forno di casa vostra, vi riporterà alla memoria tanti piccoli grandi momenti del vostro passato e della vostra infanzia.

Ingredienti

  • farina "00" 500 grammi
  • olio extra vergine di oliva 100 millilitri
  • acqua
  • sale
Indicazioni per la preparazione
200 minuti di preparazione
20 minuti di cottura
4 persone
Condividi sui social
Vuoi suggerire questa ricetta ai tuoi amici?
L'hai preparata? Raccontalo!
Pin it!

Preparazione

Impastare la farina con il lievito, il sale e l'acqua necessaria per preparare un normale impasto.
Lasciarlo lievitare per almeno tre ore coperto da un canovaccio poi stenderlo uniformemente in una teglia rettangolare, unta con un poco d'olio, all'altezza di circa due cm schiacciando con le dita e formando piccole fossette. Preparare un'emulsione con sale grosso, poca acqua, olio extravergine di oliva, a piacere semi di finocchio e spennellare la focaccia. Mettere in forno caldo (200°) per circa venti minuti.

Consigli
La focaccia va stesa e lavorata esclusivamente con i polpastrelli. Prima di infornarla abbiate cura di ungerla con il miglior olio extravergine di oliva che avete in casa, e spolverizzarla generosamente con grani di sale grosso.
Curiosità
I genovesi hanno esportato la loro focaccia praticamente in tutto il mondo, ma c'è un paese dove essa è stata davvero assimilata in modo perfetto: ci riferiamo all'Argentina. Qui, gli emigranti genovesi nei primi anni del Novecento aprirono le prime panetterie, ed ancora oggi molte di queste panetterie recano semplicemente sull'insegna il nome "Fugassa", termine genovese che è entrato a far parte dell'idioma locale e compare persino nei dizionari. Andando un pò più indietro nel tempo, vi interesserà scoprire che in epoca rinascimentale si usava gustare un pezzetto di focaccia anche in chiesa in occasione dei matrimoni. Questo gesto era ritenuto di buon auspicio: mangiare la focaccia significava augurarsi un matrimonio felice e particolarmente fecondo.

Tutti i passi per la preparazione

**Clicca sulle foto per accedere al passo passo completo!

Commenti