Tris di Maki: california maki, futo maki, tamago maki

Tra le cucine del mondo, quella giapponese sembra essere la più correlata alla dimensione spirituale, forse per i riti che concorrono alla preparazione di determinate pietanze e, perché no, magari anche a causa della filmografia che riporta il rito del mangiare come un istante sacro durante la vita quotidiana nipponica. Ebbene, proprio in ragione della nostra avventura nella Terra del Sol Levante, oggi abbiamo deciso di servirvi qualcosa di gustoso e di leggero, che unisca tradizione giapponese e anche la voglia di sperimentare nuove bontà tipica di chi si avvicina alla cucina nipponica, preparando un buon tris di maki. Per non far mancare quel tocco in più alla nostra tavola, abbiamo deciso di unire il California Maki al Futo Maki e al Tamago Maki, in un percorso del gusto dove l'avocado si unisce al surimi, i cetrioli all'alga nori e i semi di sesamo danno un sapore ancor più invitante.

Ingredienti

Indicazioni per la preparazione
30 minuti di preparazione
6 persone
Condividi sui social
Vuoi suggerire questa ricetta ai tuoi amici?
L'hai preparata? Raccontalo!
Pin it!

Preparazione

Per fare i maki la tecnica è sempre una, poi cambia dall'uno all'altro il contenuto e la grandezza, quindi la larghezza dell'alga e la quantità di riso utilizzato.
Per prima cosa preparatevi il riso per il sushi, fatelo raffreddare e mettetelo da parte.
Preparatevi tutti gli ingredienti in modo da avere tutto attorno al vostro tagliere ben disposto in mucchietti pronti all'uso.
Tagliate a julienne il surimi, tagliate a julienne la carotina, tagliate a julienne la buccia del cetriolo, tagliate l'avocado a fettine e poi paratele a giardiniera, preparatevi la maionese già aperta, e il vasetto con il sesamo.
Preparate così la frittatina o omelette: sbattete un uovo intero con delle bacchette di bambù, condendo con un pizzico di sale e una spruzzata di salsa di soia. Fate scaldare una padella con dell'olio di sesamo e versate l'uovo sbattuto; quando si sarà quasi del tutto cotto, iniziate con le bacchette ad arrotolare la frittata su sé stessa. Toglietela subito dal fuoco e trasferitela in uno scottex posto sopra il makisù (stuoietta per fare i maki). Ora con il makisù arrotolatela premendo forte in modo da compattarla per bene. Ora toglietela dalla carta e dividete il rotolino di frittata ottenuto, in due metà.
Ora parliamo della tecnica per fare i maki:
Stendete l'alga nori sulla stuoietta assicurandovi di avere davanti la parte ruvida. Bagnatevi le mani – è bene che abbiate vicino al tagliere una ciotolina con dell'acqua – e prendete una presa di riso, poi molto velocemente con la punta delle dita sparpagliatelo sull'alga, lasciando 2cm non coperti dal riso (guardate nelle foto che si capisce bene).
Posizionate gli ingredienti tagliati centralmente ma un po' più spostati verso di voi. Se volete aggiungere il sesamo, spargetelo uniformemente sopra il riso prima di mettere il resto degli ingredienti.
Ora arriva il difficile: arrotolate il maki appoggiandovi al piano di lavoro con i pollici e con le altre dita accompagnando l'estremità dell'alga con il riso in modo da arrotolare gli ingredienti all'interno. Aiutandovi con il makisù (stuoietta) fate girare l'alga fermandovi al punto in cui termina il riso. Ora molto velocemente, ma stando attentissimi a non rompere l'alga, bagnate con un dito inumidito nell'acqua, l'estremità senza riso. Ora sempre con l'aiuto del makisù chiudete definitivamente il maki pressando bene.
Non spaventatevi se non dovesse riuscirvi alla prima: è una procedura semplice ma non facile da applicare subito.
Ora per porzionare il maki, tagliatelo prima a metà con un yanagiba molto affilato e con la lama leggermente bagnata, poi le due metà in altre quattro metà, e le quattro in otto. Ecco che avrete porzionato il vostro maki in maniera regolare e simmetrica.
Per fare i tre tipi di maki semplicemente disponete all'interno dell'alga con il riso i diversi ingredienti e poi porzionate come descritto sopra.
Servite con del wasabi, rafano dei ruscelli giapponesi che troviamo liofilizzato in polvere e con salsa di soia.

Consigli
Per preparare un tris di Maki veramente impeccabile, dovete stare attenti al riso che acquistate: la varietà corretta è la Japonica e, la cottura, deve essere perfetta, giacché altrimenti il riso diventa troppo dolce o secco, a seconda che sia al dente o scotto.
Curiosità
La nostra ricetta di oggi con il tris di Maki ci porta in Giappone: il Makizushi, infatti, è una interessante forma di Sushi, il celebre piatto di pesce crudo originario del Sol Levante.

Tutti i passi per la preparazione

**Clicca sulle foto per accedere al passo passo completo!

Commenti