Clafoutis di ciliegie

I dolci rappresentano da sempre la massima espressione della raffinatezza di una cucina, e proprio per questo motivo, offrono un connubio perfetto tra ingredienti tipici del territorio e la capacità di saperne interpretare al meglio le sfumature di gusto, profumo e colore, in un percorso sensoriale che se compiuto con leggerezza regala emozioni uniche. E la nostra proposta odierna per non far mancare alla vostra tavola un dolce veramente all'altezza della situazione, riguarda una specialità come il clafoutis di ciliegie, una delle massime espressioni della tradizione pasticcera francese dell'unione tra frutta fresca e crèpe, un piacere per il palato e per gli occhi che non conosce eguali. Non fatevi mancare delle ciliegie mature al punto giusto, delle uova fresche e lasciatevi ispirare dalla nostra ricetta, seguendo i nostri ragguagli e, perché no, aggiungendo anche un tocco della vostra fantasia. Siete pronti a stupire i vostri ospiti con tanta dolcezza francese?

Ingredienti

  • ciliegie 250 grammi
  • uova 3 unità
  • zucchero 60 grammi
  • latte 300 millilitri
  • Farina 100 grammi
  • zucchero a velo zucchero a velo quanto basta
Indicazioni per la preparazione
15 minuti di preparazione
40 minuti di cottura
6 persone
Condividi sui social
Vuoi suggerire questa ricetta ai tuoi amici?
L'hai preparata? Raccontalo!
Pin it!

Preparazione

Lavate le ciliegie e denocciolatele. Versate le uova in una ciotola con lo zucchero, montate con le fruste fino ad ottenere un composto spumoso ed omogeneo. Unite al composto la farina setaccciata e mescolate. Aggiungete il latte a filo continuando a mescolare. Infine versate anche due cucchiai di rum. Disponete le ciliegie in 6 stampini da forno (vanno bene sia le cocottine che i pirottini). Versate l'impasto negli stampi dividendolo in parti uguali. Preriscaldate il forno a 180° e cuocete per 35-40 minuti. Serviteli tiepidi e cospargete la superficie di ognuno con lo zucchero a velo.

Consigli
Una variante alla preparazione del clafoutis di ciliegie, prevede che le stesse non vengano snocciolate per la cottura, per evitare che si possano seccare troppo.
Curiosità
Il nome clafoutis secondo la filologia deriva dal verbo clafir, della lingua occitana, che sta a significare colmare.

Tutti i passi per la preparazione

**Clicca sulle foto per accedere al passo passo completo!

Commenti