Conosciamo il coriandolo in cucina

Spread the love

Coriandolo

Conosciamo il coriandolo in cucina

Il coriandolo, conosciuto anche con il nome di prezzemolo cinese, appartiene alla stessa famiglia del finocchio, del cumino, dell’aneto e del prezzemolo. Il nome coriandolo, deriva dal greco – Coriandrum – e indica qualcosa che fa bene all’uomo. Questo ingrediente da cucina si presenta con un fusto eretto di altezza di 30-50 cm e possiede una parte superiore ramificata, proprio come il nostro famoso prezzemolo.

Il coriandolo e l’uso in cucina

Il coriandolo o prezzemolo cinese è utilizzato in cucina in differenti piatti. Bisogna senz’altro menzionare che il coriandolo viene utilizzato nella preparazione di alcuni salumi e come ingrediente utile per insaporire carne e pesce; i semi del coriandolo, invece, sono utilizzati come spezia per alcuni piatti. A differenza delle foglie, quest’ultimi si presentano meno piccanti, sono dolci con un lieve sapore di limone. Se macinati, i semi di coriandolo costituiscono uno degli ingredienti  principali del curry e del garam masala. In oriente, il coriandolo in cucina è utilizzato come sostituto del classico prezzemolo.

Ma approfondiamo meglio la storia di quest’ingrediente: l’origine del coriandolo è collocabile nel Medio oriente, dove sin dall’antichità era utilizzato come pianta aromatica e medicinale; addirittura, in alcune tombe egiziane viene raffigurato come un’offerta. I Romani, invece, in passato utilizzavano il coriandolo come base di un condimento chiamato per l’appunto Coriandratum; stando a quanto riferisce Plinio, il coriandolo se posizionato sotto il cuscino aveva il potere di curare il mal di testa e prevenire la febbre.

LEGGI ANCHE  Impara a cucinare con Gordon Ramsay

Spread the love