Ingrediente

farina di grano saraceno

È risaputo che le farine più chiare, in modo particolare la 00 e la 0, presentino un livello di raffinazione troppo elevato e quindi non particolarmente indicato per la salute degli individui: nel caso delle farine più scure, invece, la maggior presenza di elementi nutrizionali importanti, è una garanzia del benessere di una persona. Nel caso della farina di grano saraceno, va detto che la stessa viene spesso impiegata nelle cucine tipiche delle regioni alpine, per preparare per esempio i pizzoccheri alla valtellinese, o ancora, i famosi canederli e la polenta nera, tutte pietanze molto rustiche e ricche di gusto.

Uso in cucina

Sono in modo particolare le regioni montane italiane, quelle alpine per la precisione, ad utilizzare in modo regolare e diffuso la farina di grano saraceno: pizzoccheri, canederli e polenta nera sono solo alcuni esempi.

Conservazione

Come avviene per la maggior parte delle farine, anche quella di grano saraceno va conservata ben chiusa all'interno della sua confezione che, a sua volta, va posta in un luogo buio, fresco ed asciutto.

Curiosità

La farina di grano saraceno, detta anche farina bigia in tante località italiane, è una specialità ideale per chi soffra di intollerenza nei confronti del glutine.

Elenco ricette

cestino regalo prodotti tipici ricette ebook pasta e orecchiette dalla puglia

Ricette popolari

Il ricettario dei dolci

Scarica gratuitamente lo speciale ricettario dei Dolci.
Riceverai il collegamento per scaricarlo via email:

5 + 2 ?
(leggile qui)