sarde a beccafico

Le sarde a beccafico sono un gustoso secondo piatto preparato a base di pesce ed è tipico della gastronomia siciliana, soprattutto quella della città di Palermo. Queste sarde, che sono alla base di un piatto molto conosciuto e apprezzato in tutta Italia, sono appetitose e caloriche e sono state inserite nella lista dei prodotti agroalimentari tradizionali italiani. La preparazione delle sarde a beccafico prevede la realizzazione di un composto costituito da prezzemolo ed aglio tritato finemente, pinoli, pan grattato, uva sultanina, zucchero, sale, pepe e olio extravergine d'oliva. Naturalmente per questo piatto esistono diverse varianti: ad esempio, c'è chi preferisce cucinarle in modo più leggero, privilegiando la cottura in forno oppure impanate e fritte in olio bollente; la decisione finale spetta solo a voi. Ed ora gustatevi la nostra ricetta e seguite la galleria fotografica per realizzare al meglio il vostro secondo piatto a base di pesce e sfoggiatelo in tavola per un'occasione veramente speciale, magari per una serata estiva.

Ingredienti

Indicazioni per la preparazione
20 minuti di preparazione
35 minuti di cottura
4 persone
Condividi sui social
Vuoi suggerire questa ricetta ai tuoi amici?
L'hai preparata? Raccontalo!
Pin it!

Preparazione

Ammorbidite l'uvetta in acqua tiepida per 10 minuti. Versate in una padella 2 cucchiai di olio, fatelo scaldare e unite 80 g di pangrattato. Rosolate per un paio di minuti e ponetelo in una ciotola con l'uvetta strizzata, i pinoli, il prezzemolo tritato, sale, pepe e le acciughe spezzettate. Amalgamate bene gli ingredienti. Pulite le sarde eliminando la testa, la coda e la lisca centrale, lavate sotto l'acqua corrente e tamponatele con carta assorbente. Ungete il fondo di una piccola pirofila, formate il primo strato di sarde con il dorso rivolto verso il basso e distribuite il composto di pangrattato. Continuate fino a esaurimento degli ingredienti e terminate con una spolverizzata di abbondante pangrattato e qualche goccia di olio di oliva. Cuocete a 180° per circa 35 minuti.
Consigli
Lo sapete che esistono diverse preparazioni delle sarde a beccafico? Ad esempio quella alla catanese dove viene aggiunto il caciocavallo ed anziché arrotolarle sono disposte a mo' di panino, una sopra l'altra con il ripieno centrale. Provate a preparare questa variante seguendo sempre la nostra ricetta!
Curiosità
Le sarde beccafico prendono il nome proprio dal beccafico, un uccello molto grasso e gustoso che si nutre di fichi a volontà, ingrassando durante la stagione estiva. Proprio per questo, l'uccello grassottello è equiparato alle sarde ripiene.

Tutti i passi per la preparazione

**Clicca sulle foto per accedere al passo passo completo!

Commenti