Struffoli

Il Natale porta con sé numerose tradizioni culinarie in Italia che variano in base alla regione, alla cultura e ai ritmi di vita. Pensare agli struffoli come un dolce prettamente natalizio, per esempio, potrebbe essere strano in alcune zone della Campania dove, addirittura, si preparano in occasione del Carnevale. Ma, pur restando in Campania, basta spostarsi di pochi chilometri per entrare in contatto con la patria degli struffoli. Questi deliziosi pezzetti di pasta, infatti, nascono a Napoli per poi diffondersi, come tutte le cose più buone, in altre regioni d'Italia. Quello utilizzato per realizzarli è un impasto semplice e veloce da realizzare, povero di zucchero per un sapore neutro e non troppo stucchevole. Questo perché, una volta fritti gli struffoli nell'olio ben caldo, si insaporiscono con il miele millefiori, le scorze d'arancia candite e tritate e la mompariglia o le codette di zucchero colorate. Ovviamente, la scelta e le quantità di frutta candita, decorazioni e miele è del tutto arbitraria, così come lo è la forma. Potete servire gli struffoli nelle coppette, realizzare dei mini dolcetti utilizzando degli stampini di carta o, come in questo caso, dar loro la forma di una torta vera e propria. Basterà porre al centro del vostro piatto da portata uno barattolo vuoto, che conferirà agli struffoli la forma tipica di una ciambella, e rimuoverlo solo quando il miele avrà messo in atto la sua azione di collante.

Ingredienti

  • farina "00" 500 grammi
  • zucchero 50 grammi
  • sale 8 grammi
  • uova 4 unità
  • burro 60 grammi
  • vino bianco 50 millilitri
  • vaniglia una fialetta di aroma alla vaniglia
  • lievito per dolci un cucchiaino di lievito per dolci

Il ricettario dei dolci

Scarica gratuitamente lo speciale ricettario dei Dolci.
Riceverai il collegamento per scaricarlo via email:

(leggile qui)
Indicazioni per la preparazione
30 minuti di preparazione
10 minuti di cottura
8 persone
Condividi sui social
Vuoi suggerire questa ricetta ai tuoi amici?
L'hai preparata? Raccontalo!
Pin it!

Preparazione

Disponete la farina a fontana, aggiungete il sale, il lievito e lo zucchero. Al centro ponete le uova e il burro morbido a pezzetti. Impastate velocemente e unite il vino bianco e l'aroma vaniglia.
Lavorate l'impasto con le mani, aggiungendo un velo di farina all'occorrenza, fino a ottenere un panetto omogeneo e dal colore giallo chiaro. Avvolgete l'impasto in una pellicola e lasciatelo riposare per circa 30 minuti.
Ricavate dei pezzi, lavorateli con il palmo della mano per ottenere dei cilindri del diametro di circa 1/2 cm.
Ritagliate da ognuno dei pezzetti quadrati e infarinateli leggermente per evitare che si uniscano gli uni agli altri.
Friggete gli struffoli, pochi alla volta, nell'olio ben caldo fino a quando non saranno leggermente dorati. Poneteli ad asciugare su un foglio di carta assorbente.
Trasferite gli struffoli in una ciotola capiente, unitevi il miele e mescolate in modo uniforme.
Aggiungete le scorze d'arancia tritate e la mompariglia e continuate a mescolare delicatamente con un cucchiaio per distribuire le decorazioni.
Scegliete il piatto da portata finale, posizionatevi al centro un barattolo di vetro vuoto e cominciate a circondarlo con gli struffoli cercando di dar loro la forma di una ciambella.
Lasciate assestare gli struffoli per circa un'ora in un luogo fresco e asciutto, dopodiché eliminate il barattolo e cospargete con altra mompariglia.
Consigli
Per realizzare gli struffoli alla maniera campana, è importante usare la frutta candida, che deve essere principalmente a base di agrumi.
Curiosità
Sebbene si ritiene che gli struffoli siano di origine napoletana, in realtà, sono una creazione che trae le sue origini nell'Antica Grecia.

Tutti i passi per la preparazione

**Clicca sulle foto per accedere al passo passo completo!

Commenti